EN

B&W – Black & White: The Migrant Trend

initiated by Nation25 with the artistic direction of Caterina Pecchioli, in collaboration with A.I Artisanal Intelligence and FUM STUDIO

The Black&White project was developed during the B&W lab.at MACRO asilo, Museum of Contemporary Art of Rome between tow stages: the 25th June - 7 July 2019 and from the 1st to the 18th October 2019

in Collaborazione with Accademia Costume & Moda, Atelier Trame Libere, Moleskine Foundation, Nosa Collezione, Moustapha Sylla, Talking Hands - con le mani mi racconto.

 

ant the participation by Accademia di Alta Moda Koefia, Afrosartorialism, Agenzia Olivia Mariotti & Co, Cartiera, Fashion Revolution Italia, IED Roma e Milano, Iuav Venezia, Lai-momo, Progetto LaMin, Sala1 Roma, The Sewing Cooperative, Vogue Italia.

 

Technical sponsor: Puntoseta

 

Supported by Progetto Agata Smeralda Onlus.

"B&W – Black&White, The Migrant Trend" is a collaborative project that promotes a “migrant trend” in Italian haute couture through research activities, exhibitions, counseling, best practices, and training, connecting fashion professionals, institutions, and scholars with migrant tailors and designers.

It started as four-week intercultural laboratory at Macro Museum of Contemporary Art in Rome (sponsored by Progetto Agata Smeralda Onlus, technical sponsor Puntoseta) to examine the daily dress practices of migrants in Italy, a heterogeneous population that includes legal and illegal immigrants, asylum seekers, and refugees hailing principally from West Africa, Southern Asia, and the Middle East. These people dress in a distinctive and original style that mixes multiple influences, cultural traditions, and trends. 

 

During the kick-off phase of the project (running from 25 June through 7 July), the participants created “Facebook mood boards” to document the evolution of the migrant style and started an exchange on their way of dressing and the garments that they make. A.I. Artisanal Intelligence then invited the project to take part in The Shape of Water”, an event hosted at AltaRoma Summer 2019. There, Moustapha Sylla (Sylla Sarto) and Nosakhara Ekhator (Nosa Collezione) showed the collections they realised with Atelier Trame Libere and Talking Hands, two ethical design labs that employ and train asylum seekers living in detention centres and temporary facilities in Central and Northern Italy, respectively. The October activities (running Oct 1-13)followed up on the preliminary work of the summer, bringing together fashion experts and professionals to pool ideas and resources toward the launch of a platform that will support the access of emerging migrant designers and brands to the Italian fashion system through ethical training opportunities, internship, mentoring, production, communication, and consulting. The two-week programme included roundtables on sustainable fashion, brand identity, retail and distribution platforms, and ethical fashion, and masterclasses in tailoring and fashion design. The figures involved included Moleskine Foundation, Fashion Revolution Italy, and Vogue Italia. A B&W Workshop (Officina B&W) with Ilaria Bigelli and Paolo Rinaldi of Rome Fashion School, Accademia Costume & Moda, followed the roundtables, involving the participants in the creation of a luxury bum bag.

 

The migrant style manifests cultural syncretism, highlighting, in an immediately visual and material way, innovation and positive change in the face of Italy’s conservative zeigeist at this critical historical juncture. B&W offsets the dominant narrative, working from within the exclusive world of haute couture to highlight and encourage the migrants’ positive contribution to innovation, at the same time promoting ethical practices, sustainability, and inclusion. 

 

In 2019 B&W has created a solid network of fashion professionals, scholars, social workers, and migrants working to promote inclusion, sustainability, research and innovation through fashion. One of the main results obtained by the project, thank to the collaboration between Progetto Agata Smeralda Onlus with Lupo Lanzara, deputy chairman of Accademia Costume & Moda of Rome, was to sponsor a grant to enroll Nosakhare Ekhator of Nosa Collection in the foundation course of Accademia Costume & Moda, Nosa is the first asylum seeker to be enrolled in this renowned professional institute.

At present, the B&W team is overseeing the launch of B&W’s online platform and on devising further strategies to help the professionals and professionals-to-be to receive visibility and recognition in Italy.

                                                               

                                                               (Text by Enrica Picarelli/Afrosartorialism)

 

 

B&W was cultural partner of “Where is South?” by Moleskine Foudnation in partnership with UNHCR, because they share the goal of questioning the ideologies and stereotypes linked to the South of the world. Migrant fashion shows a simultaneity of different influences and traditions that liberates and confuses a pre-established image by clearing a precise ideological position of the cardinal points. The participants of B&W: John Hina from Atelier Trame Libere, Nosakhare Ekhator from Nosa Collection, Lamin Saidy from Talking Hands and Wendorlink Zerpa, selected for “Where is South?” to deepen during AtWork, in a collective and intimate way, new aspects linked to this rethinking of the perspective with respect to oneself and to the position in the world. This collaboration has also led B&W together with Puntoseta to design a silk foulard to spread the message of the various definitions of South that emerged during the workshop “Where is South?”.  The foulard were worn by the crew of the boat to join the message released by Kleronia, "tha human boat", in collaboration with UNHCR, the UN Refugee Agency and Moleskine Foundation during Barcolana 2019 in Trieste.

 

Initiator:

Caterina Pecchioli, art director of B&W, is a multimedia and multisciplinary artist exploring the critical aspects and effects of power on mass behaviour and socio-cultural and political dynamics. She is a co-founder of Nation25. More:www.caterinapecchioli.com

 

Nation25 is an artistic-curatorial collective and participatory platform founded in 2015 by Elena Abbiatici, Sara Alberani and Caterina Pecchioli which addresses issues of socio-political and environmental relevance focusing in particular on migration. The name refers to an imaginary nation of 70,8 million people who are displaced both internally and externally from their countries of origin, making up in 2015 the 25th largest nation in the world by demography. Nation25 projects start from the assumption that some socio-political phenomena, such as migration, can be considered opportunities to rethink and re-imagine the current and future society. The first important project organized by the collective since 2015 is the Nationless Pavilion  in the context of the Venice Biennale, a project aimed at giving visibility to migrant people in the context of the National Pavilions of the Venice Biennale. In 2016 it co-organized Exile Europe at the 15th Venice Architecture Biennale for the Greek pavilion and took part in the conference, exhibition and publication Spaces of Exception, organized by Sale Docks in Venice. Since 2015 Nation25 organizes conferences, workshops, exhibitions and actions and has collaborated with many National and international institution, Museums, Biennales, associations. Nation25 also collaborates on an on-going basis with migrant reception networks in several Italian cities. More: www.nation25.com

 

In collaboration with:

A.I Artisanal Intelligence curated by Clara Tosi Pamphili and Alessio de Navasques, researches and promotes innovative forms of craftsmanship and artistic expression, while keeping in mind the historical realities of Italian manufacturers. Artisanal Intelligence's aim is to work with public and private institutions in order to support young designers, craftsmen and artists in Italy and abroad. More: www.artisanalintelligence.it

 

FUM STUDIO meaning "the first stranger is myself" FUM - acronym of First Unknown Myself - is a Studio of style consulting. The studio is specialized in womenswear and print textile design, research and planning, with a fashion communication know-how, ADV and social media. FUM director, Giulia Ceragioli, is also teacher of fashion design at IED Institute of Design in Milano. More: www.fumstudio.com

-------- INFO AND PHOTO PROJECT: PRESS KIT 

-------- THE PROJECT IN THE PRESS

-------- DIRECT LINK: VOGUE BRASIL - VOGUE ITALIA - AFROSARTORIALISM - RADIORAI

 

 

IT

 

 

B&W - Black & White la tendenza migranteun

progetto di Nation25

Momento fondativo del progetto è stato il “B&W- Black&White lab” al MACRO asilo, Museo di Arte Contemporanea di Roma dal 25 giugno al 7 luglio e dal 1 al 18 ottobre 2019ù

che ha visto la collaborazione di Accademia Costume & Moda, Atelier Trame Libere, Moleskine Foundation, Nosa Collezione, Moustapha Sylla, Talking Hands - con le mani mi racconto.

 

E con la partecipazione di (in ordine alfabetico): Accademia di Alta Moda Koefia, Afrosartorialism, Agenzia Olivia Mariotti & Co, Cartiera, Fashion Revolution Italia, IED Roma e Milano, Iuav Venezia, Lai-momo, Progetto LaMin, Sala1 Roma, The Sewing Cooperative, Vogue Italia.

 

Sponsor tecnico: Puntoseta

 

Con il sostegno di: Progetto Agata Smeralda Onlus.

COMUNICATO STAMPA

IL PROGETTO:

A quattro anni dalla prima edizione del Nationless Pavilion alla Biennale di Venezia - progetto che dà avvio all’attività dell’associazione, Nation25 lancia un nuovo grande progetto atto a dare visibilità allo stile del popolo migrante.

B&W - Black & White, La tendenza migrante, nasce dall’osservazione del modo di vestire creativo e unico del popolo migrante. Uno stile che pur trovando ogni volta declinazioni personali e individuali, ha delle costanti capaci di raccontare la storia del mondo, dei suoi scambi commerciali, delle potenze coloniali e mediatiche, dei suoi miti. Questa tendenza unisce elementi di mondi diversi raccontando da dove si viene e dove stiamo andando, la tradizione e i nuovi ideali.

L’obiettivo è di consolidare e diffondere lo stile migrante come una vera e propria tendenza di moda, costruendo il B&W brand e realizzando un calendario ed una collezione, intesi come strumentiper attuare un’inversione degli stereotipi dell’immaginario comune. Saranno gli immigrati stessi, assieme ad alcuni ragazzi/e italiani, i modelli, gli influencer e i realizzatori di questa tendenza.

A questo scopo prende avvio il 25 giugno 2019 un laboratorio partecipativo di arte, moda e intercultura di 4 settimane - due a giugno/luglio e due ad ottobre 2019 - che fa incontrare professionisti del campo della moda, studenti, creativi, artisti, giovani visionari, sarti, sia italiani che immigrati presso il MACRO - Museo di Arte contemporanea di Roma.

Il confronto sul modo di vestirsi di italiani e stranieri vuole innescare uno scambio interculturale, dove l’analisi dell’abbigliamento sincretico tipico dei migranti, fatto di elementi legati alla terra di provenienza uniti a quelli di arrivo, permette di approfondire sia l’una che l’altra cultura, accompagnando sia gli italiani che gli stranieri ad una maggiore consapevolezza sulla propria identità e offrendo inoltre una formazione professionalizzante.

FASI:

La prima fase, da martedì 25 giugno a giovedì 6 luglio 2019, inizia il laboratorio partecipativo che si focalizza sull’individuazione delle caratteristiche della tendenza - combinazioni, accessori, stili di riferimento (sportivo, elegante, casual etc.) nelle differenziazioni geografiche - e sulle specificitàstoriche, sociali e antropologiche che ne derivano e che saranno oggetto di approfondimento negli incontri della seconda fase. Costruiremo il “moodboard” della tendenza a partire dalle immagini tratte dai social dei partecipanti e con shooting fotografici dedicati, selezioneremo le prime combinazioni simbolo dello stile e inizieremo la progettazione del B&W brand.

Sede: MACRO ASILO, stanza MEDIA, via Nizza 138, ore: 10-15.00

La presentazione della prima fase e il lancio della seconda sono previsti giovedì 4 e venerdì 5 luglio 2019 all’interno di A.I. ARTISANAL INTELLIGENCE “The shape of Water” ad Altaroma. Si ricostruirà in questo contesto l’officina vibrante di ricerca all’insegna dell’individuazione di questo stile.

Sede: Altaroma 2019 - Viale Angelico 52, Roma
Info: http://www.artisanalintelligence.it/ e https://www.altaroma.it/

La seconda fase di laboratorio, da martedì 1 a domenica 13 ottobre 2019 ancora al MACRO ASILO, vedrà la progettazione della piattaforma “B&W - Black&White" capace di sostenere, consolidare e diffondere la produzione della “moda migrante” in Italia.

Si susseguiranno tavole rotonde, incontri, focus tematici, esercitazioni pratiche con esperti di moda e di formazione, in cui si parlerà di appropriazione culturale, di garanzia di qualità, di alta moda, di artigianato, di tecniche sartoriali a confronto Africa-Italia, di piattaforme di distribuzione.

Sede: MACRO ASILO, Ambiente 2, via Nizza 138, orari da definirsi.

 

PARTECIPANTI B&W LAB.:

Il laboratorio partecipativo coinvolge circa trenta ragazzi e ragazze tra:

beneficiari della rete Sprar di Roma, Rieti, Viterbo, Tivoli, Treviso. Beneficiari del centro per minori non accompagnati Civico Zero (Roma), donne richiedenti asilo con background sartoriale dell’Atelier “Trame Libere” (Rieti) giovani richiedenti asilo dell’Atelier di moda “Talking Hands” (Treviso)
studenti d’istituti professionali di arte, design e moda di Roma.

- - -

FORMAZIONE:

Il laboratorio, oltre a offrire uno spazio di scambio e conoscenza interculturale attraverso l’analisi di usi e costumi dei partecipanti, è un vero e proprio stage formativo nel campo della moda, della fotografia, del design e del marketing.
Nation25 si propone così di fornire, da un lato, un’occasione di alta formazione e orientamento per i giovani migranti non ancora inseriti nel mondo del lavoro, dall’altro, un’opportunità per consolidare le competenze sartoriali esercitate nei paesi di provenienza e garantire una continuità professionale.

DOCENTI E TUTOR:

Il progetto di Nation25 con la direzione artistica di Caterina Pecchioli prevede la collaborazione della start up di total look e studio di consulenza moda FUM STUDIO (First Unknown Myself) nella figura di Giulia Ceragioli, insegnate allo Ied di Milano che introdurrà e seguirà le fasi relative alla produzione di una collezione e all’uso degli strumenti di progettazione quale il “trendbook”. Affiancheranno il progetto Clara Tosi Pamphili e Alessio De Navasques, fondatori e curatori di A.I. Artisanal Intelligence, progetto di ricerca attento allo sviluppo della creatività contemporanea con particolare attenzione alla promozione del Made in Italy. I Talking Hands terranno dei focus tematici, nelle figure di Fabrizio Urettini, art director, Annaclara Zambon, docente, textile designer, artista e Anthony Knight, supervisor dell’atelier e docente di modellistica allo Iuav di Venezia.

PARTNERSHIP:

FUM STUDIO 

FUM - acronimo di First Unknown Myself - è uno studio di consulenza stilistica. Fum vuole raccontare una storia, l’identità di sottoculture e tradizioni popolari e sociali, con l'idea di lasciare che "la cultura ti usi come uno strumento" (Mark Leckey, videoartista). Lo studio è specializzato in womenswear e print textile design, ricerca e progettazione, con un know how di fashion communication, ADV e social media. Giulia Ceragioli, 29 anni, fonda il suo brand FUM nel 2014 come startup di abbigliamento e accessorio donna, lavorando anche come designer ufficio stile per brand pret-a-porter e di lusso.

E’ inoltre docente presso l’università di design IED Moda a Milano.

A.I. Artisanal Intelligence

curato da Clara Tosi Pamphili e Alessio de Navasques, si occupa di progetti di sviluppo della creatività contemporanea con particolare attenzione alla promozione del made in Italy.
È un progetto nato all’interno di Altaroma ma che si é espanso, é diventato un modello richiesto da eventi e fiere internazionali. Collabora con istituzioni pubbliche e private, sostiene giovani designer, artigiani ed artisti. Crea strategie di comunicazione trasversali capaci di creare nuove strade allo sviluppo economico e culturale per piccole e grandi realtà.

Disegna progetti contemporanei che uniscono diverse competenze creative e produttive per costruire confronti e scenari diversi di mercato e cultura. http://www.artisanalintelligence.it/


Atelier Trame Libere

è composto da un gruppo di sarte/artiste, richiedenti asilo, che hanno potuto dare continuità alla propria professione grazie al progetto di integrazione lavorativa avviato dalla Cooperativa sociale “Il Volo” nel 2018 e che oggi aspira ad affermarsi come impresa femminile autosufficiente. Trame libere è un laboratorio creativo in continua evoluzione, come sono in evoluzione gli intrecci intessuti dalle storie e dalle vite delle donne coinvolte. https://atelier-trame-libere.business.site/

Talking Hands - con le mani mi racconto

è un progetto che mira a creare un percorso d’integrazione rivolto a richiedenti asilo e rifugiati coniugando l’attività manuale (propedeutica all’inserimento lavorativo ma anche all’espressività artistica) con il racconto della propria storia, del paese d’origine, del viaggio e delle proprie aspirazioni. https://www.facebook.com/OpificioTalkingHands/

Moleskine Foundation

Organizzazione non profit la cui mission si concentra sulla Creatività e l’Istruzione di Qualità quali elementi chiave per produrre un cambiamentosociale positivo e costruire insieme il futuro. A tal fine, la Fondazione si adopera per offrire ai giovani strumenti didattici ed esperienze formative non convenzionali che incoragginoil pensiero critico, il fare creativo e l’apprendimento permanente, con particolare attenzione alle comunità segnate da carenze socio-culturali. La Fondazione lavora a stretto contatto con organizzazioni locali per finanziare, sostenere e co-creare progetti di qualità, con particolare attenzione all’Africa. Sostiene il progetto B&W perché ne condivide il concept e gli obiettivi, invitando i partecipanti dei laboratori di ricerca a produrre i loro “trendbook” su un taccuino Moleskine (inteso come dispositivo educativo) e a partecipare alla tappa veneziana di AtWork Tour “Where is South?”, condotta da Simon Njami, e dedicata a candidati in possesso dello status di rifugiato politico, titolari di protezione sussidiaria o richiedenti asilo. La tappa è in collaborazione con UNHCR, attraverso l’iniziativa “Rothko in Lampedusa”, in coincidenza con la Biennale d’Arte di Venezia 2019.

links: www.moleskinefoundation.org /

LUOGHI:

LABORATORIO

Il laboratorio, interpretando lo spirito dinamico e sperimentale del MACRO ASILO, si svolge pressoMACRO-Museo d’Arte Contemporanea di Roma, partner del progetto, in due fasi: la prima (25/06 – 6/07/2019) focalizzata sulla ricerca e la seconda (1 – 13/10) di approfondimento e progettazione. Seguirà al laboratorio, la fase di produzione e divulgazione.

Oltre 6000 visitatori in occasione della festa di apertura (30 settembre 2018) del Macro Asilo, il progetto di Giorgio De Finis che caratterizzerà il Macro di via Nizza fino al 31 dicembre 2019 che trasforma l’intero museo in un vero e proprio organismo vivente, “ospitale” e relazionale, che invita all'incontro e alla collaborazione persone, saperi e discipline in una logica di costante apertura e partecipazione della città e del pubblico. L’ingresso è, infatti, libero per tutti. 38.000 visitatori durante i primi 60 giorni e un programma fittissimo di eventi all’interno del quale si inserisce il progetto B&W - Black & White, La tendenza migrante, in accordo con la natura aperta e relazionale del nuovo Macro.MACRO-Museo d’Arte Contemporanea di Roma: via Nizza 138

info: https://www.museomacro.it/

PRESENTAZIONE PRIMA FASE E LANCIO SECONDA FASE:

La presentazione dei risultati della prima fase e lancio seconda fase si svolgeranno all’interno di A.I. ARTISANAL INTELLIGENCE “The shape of Water” ad Altaroma.
AltaRoma è una piattaforma di lancio per I designer emergent e centro propulsore dell’Alta moda italiana.

Sede: Altaroma 2019 - Viale Angelico 52, Roma
Info: http://www.artisanalintelligence.it/ e https://www.altaroma.it/

Il progetto B&W - Black & White - La tendenza migrante s’inserisce all’interno del programma dei progetti 2019-2020 di Nation25 con l’obbiettivo, una volta definita la tendenza di lanciarla come vera e propria moda.

INIZIATORI PROGETTO:

Nation25 è una piattaforma partecipativa che lavora come collettivo artistico e curatoriale, fondata nel 2015 da Elena Abbiatici, Sara Alberani e Caterina Pecchioli. Nasce con l’intenzione di dar voce, attraverso progetti artistici, al popolo migrante che nel 2015 rappresentava demograficamente la venticinquesima Nazione più popolata al mondo, con l’obiettivo di trattare i temi migratori come un’opportunità. Dal 2015 organizza il Nationless Pavilion alla biennale di Venezia. Ha collaborato con istituzioni affermate nel campo della cultura e della formazione quali, l’Ateneo di Firenze, l’Orientale di Napoli, la Biennale di Venezia e di Istanbul. Collabora con diverse associazioni e cooperative della rete di accoglienza del Lazio, della Toscana, del Veneto e della Puglia. www.nation25.com

Direzione Artistica del progetto B&W – Black&White:
Caterina Pecchioli (Firenze 1978) artista visiva interdisciplinare. Ogni suo progetto prende una forma strumentale al concept che lo anima. Si laurea con lode al Dams di Bologna e all’Accademia Gerrit Rietveld di Amsterdam. I suoi video, film, foto, performance, disegni ed installazioni si focalizzano su meccanismi latenti del rapporto tra individuo e società che indaga a partire da azioni quotidiane, dinamiche collettive e rapporti di potere. Ha esposto in numerosi festival, musei e istituzioni nazionali ed internazionali tra i quali: Centro Internazionale di fotografia, Palermo - Festival dei Popoli, Firenze - Mahalla Festival, Istanbul Biennal - AuditoriumArte, Parco della Musica, Roma - Nationless Pavilion, Biennale di Venezia - Cairo Video Festival, EG - Parc de la Villette, Parigi, FR - MACRO, Roma - Instant VideoFestival – Fsmgallery, Firenze – Triennale di Milano - Arte Tv. Nel 2015 fonda con Elena Abbiatici e Sara Alberani il collettivo artistico e piattaforma partecipativa Nation25 che affronta in particolare temi legati alle questioni migratorie e che organizza dal 2015 il Nationless Pavilion alla Biennale di Venezia. Dal 2009 fa parte dell’artist run space Project Goleb ad Amsterdam. Ha pubblicato articoli su video arte, fotografia e performance in collaborazione col DAMS di Bologna e l’Università di Siena. www.caterinapecchioli.com

con il sostegno di:

PROGETTO AGATA SMERALDA ONLUS

Il nome “Agata Smeralda” scelto per l’Associazione è quello della prima bambina abbandonata nella pila dell’acqua benedetta dello “Spedale degli Innocenti” di Firenze nel lontano 5 Febbraio 1445. Agata Smeralda venne lasciata allo “Spedale”, che dava così inizio alla sua opera di bene, con la speranza che la creatura potesse vivere ed essere seguita con amore nella sua crescita.

Il Progetto Agata Smeralda nasce ufficialmente a Firenze nel Maggio 1996 per iniziativa del Prof. Mauro Barsi e del Cardinale Lucas Moreira Neves. Li accomuna un grande sogno: quello di tutelare la vita e la dignità dei bambini in qualunque parte del mondo ce ne sia bisogno.
Oggi Agata Smeralda gestisce 150 progetti a tutela della vita ed è presente in 15 paesi del mondo. https://www.agatasmeralda.org/

Foto di Nation25 durante B&W Macro Asilo e AltaRoma per A.I Artisanal Intelligence "The Shape of Wather".

© 2023 by The Artifact. Proudly created with Wix.com

  • Facebook B&W